Tag: Max Sannella

MOON BROS.
"These Stars"
(Western Vinyl, 2016)

Già la cover la dice lunga, un disco dove chiudere gli occhi e andare via con l’immaginazione, sfilare via dalla vita terrestre e volare via come l’aquila raffigurata per solcare quello che rimane di un’esistenza legata da tutto. These Stars è il secondo disco per l’americano Matt Schneider, in arte Moon Bros., un trip malinconico

JESTER AT WORK
"A Beat Of A Sad Heart"
(M.I.L.K., 2016)

Solitudine a etti, chiaroscuro umorali in forma e una manciata di stupende atmosfere ovattate, chiuse in uno “sciamanesimo personale” intimo e riflessivo. Antonio Vitale al secolo musicale Jester At Work torna in pista con un suo nuovo gioiellino nero, A Beat Of A Sad Hearth, un carotaggio in fondo all’anima in sei tracce che fanno

LOHREN
"Felici Di Niente"
(Interbeat / Egea, 2016)

Potremmo definire Felici Di Niente, “felice” esordio del duo romano dei Lohren, un disco dalla contemporaneità d’altri tempi, per via di quel flavour retrò che si specchia dentro un crossover stilistico multi sfaccettato, una zigzagante estetica tra pop, anni ’60, aromi latin, elettronica, jazzly, rock & armonia che approccia all’ascolto come una bibita fresca nell’arsura

THE HOTELIER
"Goodness"
(Tiny Engines, 2016)

A due anni dal clamoroso e flash(ato) Home, Like Noplace Is There, la band americana degli The Hotelier torna in circolo con un secondo album, Goodness, un bel ricostituente sonoro che agisce immediatamente sulle corde emozionali di chi presta orecchio a queste tredici tracce, un bella mescola di ballate, pop punk, power pop e nu-emo

GUIDED BY VOICES
"Please Be Honest"
(GBV Inc., 2016)

Robert Pollard l’aveva promesso a più riprese, i Guided By Voices torneranno in vita, e lo fa in maniera alquanto strana, è lui a suonare tutti gli strumenti in questo Please Be Honest, e ad onor del vero è un disco che stupisce come tutte le firme Pollard, disco stravagante, ricco, pieno di tutto quello