DevianzaLa Blackwater Label corrode la democrazia musicale ed entra, come cimice mutante nei percorsi cerebrali dove il suono fluisce. Devianza è un nuovo progetto di musica elettronica, condivisione di combi musicali sviluppati da più artisti appartenenti a questa etichetta, giovane, ma con una personalità molto interessante. Durante il Flussi Festival 2014 ad Avellino nei primi giorni di Settembre, la Blackwater ha distribuito alcune copie CD promo di Devianza, 1+1 = 2, un CD “omaggio” prodotto e arrangiato da F.elipe e Frnkbrt, mixato da Luciano Lamanna e masterizzato da Andrea Merlini, che il mese scorso è stato stampato anche in vinile in tiratura limitata di 200 copie. La Blackwater Label si ritaglia un suo ben preciso spazio nella realtà della musica elettronica italiana, producendo Xiu, Lunar Loge, Assalti Industriali, Stefano Rocchi ed altre realtà sperimentali di tutto rispetto. Elettronica genuina, dub trasversale, techno dell’anima, noise estremo. Questi sono i suoni che la Blackwater ci propone. La devianza, nella statistica, è un’indice di dispersione dei dati, determinato dalla somma dei quadrati degli scarti dalla media, mentre in musica, è calcolato nei solchi del vinile dalla capacità di F.elipe e Frnkbrt di mettere insieme la propria esperienza artistica. I tre pezzi proposti I Droni A Torvaijanica, una minimal electro intimista e oscura, quasi “da camera”, la sperimentale La Torre Del Greco, avvolta da intime pulsazioni sinth che convergono in maniera inusuale creando astrattismo techno e pathos, per giungere ai 7 minuti cosmic experimental di Mio Nonno Era Un Cavallo, un insieme di suoni obliqui dove l’elettronica diventa ricerca sonora come medicina per la nostra anima. Minimalismo elettronico, onde che stimolano la corteccia cerebrale, ricerca sonora, fanno da sfondo ad un EP dalla forte personalità, aspettiamo con ansia positiva le prossime uscite, sperando di essere nuovamente e felicemente “deviati” dai sopracitati sperimentatori.

Marco Pantaleone