Un sogno per evadere dalla realtà, per sfuggire alle criticità temporali. Any Time Now, ultima opera di Cristiano Deison, scava nel profondo dell’anima e porta fuori emotività sconosciute. Edito dalla Manyfeetunder / Concrete, il disco si compone di sette tracce, che ruotano intorno alle due parti di Motionless, le più lunghe della serie. Le sperimentazioni elettroacustiche di Deison esplodono in una serie di suoni concreti, con droni profondi che scuotono l’ambient circostante. Alle interferenze armoniche dell’iniziale Cut Off, si affiancano quelle della suggestiva Tape2. Tocca, poi, alle ambientazioni minimali di Blissfull Moments, seconda traccia del disco, realizzata con la collaborazione di Ennio Mazzon. Motionless Pt.1 è una melodia oscura e spiazzante, scandita da registrazioni inquiete. Un pezzo con una matrice molto simile a quella dark, se non fosse per la delicatezza delle note del piano di Andrea “Mingle” Gastaldello. A spezzare Motionless, ci pensano le intermittenze di Sulle Mie Ossa. In Motionless Pt.2, dalle auricolari viene fuori una nebbia malinconica che riempie la stanza, per poi dileguarsi, ancora, sulle note di Mingle. Chiude il disco The End Of Everything: con una colonna sonora così, che venga presto!

Gerry D’Amato