Tag: Lorenzo Nobili

4GIFTGAS
"Beauséant"
(Extremocidente, 2017)

Collettivo misterioso che cela la sua identità dietro maschere antigas e nomi di gas venefici, quello dei 4giftgas è un esordio che grida a squarciagola “ci siamo anche noi” all’interno della scena post-industriale contemporanea, avvalendosi di un titolo quantomai sintomatico come Beauséant, motto dei cavalieri Templari che inneggia alla forza d’insieme del gruppo compatto, dove

CARNERA
"La Notte Della Repubblica"
(Old Europa Cafe, 2017)

A due anni di distanza dallo straordinario esordio Strategia Della Tensione, che tanto scosse e stupì chi scrive con una marca sonora oramai divenuta simbolica e difficilmente dimenticabile, i Carnera di Leonardi e Battaglia, con al fianco l’immancabile Poletti alle grafiche e foto, ci immergono nuovamente negli “anni di piombo” con La Notte Della Repubblica,

VOSTOK
"La Geometria Delle Abitudini"
(Nonomori, 2017)

A quattro anni di distanza dall’esordio Lo Spazio Dell’Assenza torna il duo Vostok, progetto che ruota attorno alle figure del musicista e compositore Giuseppe Argentiero e della cantante Mina Carlucci, affiancati anche questa volta da tanti contributi strumentali di differenti artisti che già avevano contribuito a costruire un primo lavoro avvolgente, delicato e tristemente sognante.

DIVISIONE SEHNSUCHT
"S/T"
(Blücher / I Libri Da Bruciare, 2017)

Side-project composto dai membri dei Siegfried, la Divisione Sehnsucht vede i propri natali durante questo mese di marzo, con un debutto estremamente curato sia nella confezione che nella resa sonora. Da un lato abbiamo l’ottimo lavoro di Simone Poletti e della sua Dinamo Innesco Rivoluzione, che racchiude il CD in un’esclusiva confezione gatefold di cartone

PORTA VITTORIA
"Tales Of Fallen Heroes"
(Old Europa Cafe / My Owl Music, 2016)

C’è una definizione estremamente calzante che può racchiudere il senso della musica di Porta Vittoria, ed è quella di “musica per ascoltatori onnivori”, semplice chiusura del comunicato stampa che accompagna il nuovo disco di questo particolare duo nostrano, ma davvero appropriata e definitiva. A tre anni di distanza dal fortunato esordio di Summer Of Our